L’India è un Paese immenso, che si caratterizza per i suoi contrasti e per la sua vastità. Non si può conoscerla in pochi giorni, deve essere vissuta; tuttavia una vacanza è la soluzione ideale per respirare il principio della sua essenza. Al tempo stesso bisogna tenere a mente che l’India è un concentrato di vita e la sua magia è data proprio dalla combinazione di enormi metropoli, monumenti spettacolari in tanti stili diversi, colori, sapori, giungle tropicali, credenze, religione, mercati di stoffe, spezie e paesaggi sconfinati. L’India è enorme, così è possibile scegliere tra tane destinazioni diverse oppure organizzare un vero e proprio tour che ne comprenda molte: in questo diventa possibile fare molti viaggi in uno solo. Da questo punto di vista andare nel continente indiano è come fare un viaggio intorno al mondo. Si passa dai deserti dell’interno alle imponenti catene montuose dalla bellezza struggente, dalle piantagioni alle riserve protette dove vivono alcuni degli animali più rari del mondo, da spiagge incontaminate alle località rurali e alle grandi città caotiche, nelle cui vicinanze sorgono monumenti dichiarati Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Vediamo alcune delle possibili destinazioni che consentono di gustare il vero sapore dell’India.

Un viaggio nel Rajastan
Una delle zone più frequentate dell’India è il Rajastan, situato nella parte settentrionale del Paese. Bisogna tenere a mente che questa regione, così come tutti gli altri Stati federali che compongono la nazione, so estendono su un territorio molto ampio. Proprio per questo motivo occorre pianificare con estrema attenzione e in ogni dettaglio l’itinerario del viaggio. Al tempo stesso è necessario armarsi di calma e pazienza, perché ogni tour è molto spesso soggetto a ritardi, inconvenienti e modifiche dovute al traffico, ai mezzi di trasporto e alle feste religiose e nazionali. Si consiglia quindi di affidarsi a un’agenzia di viaggi specializzata in quanto i mezzi pubblici sono estremamente affollati e bisogna prenotare con largo anticipo. Inoltre la soluzione del tour operator consente di avere una guida affidabile e sicura durante il soggiorno e suggerimenti su quale sia il periodo migliore per la vacanza. Il Rajasthan è perfetto in autunno e in primavera, prima della stagione dei monsoni e del caldo estivo: si consiglia il periodo da ottobre a maggio. Località da non perdere sono le città di Jaisalmer e di Bikaner: quest’ultima è dominata dal forte Junagarh, il vero e proprio monumento simbolo del luogo. Bikaner è il punto di partenza per un’escursione nel deserto e per Deshnok. Qui si trova un luogo di interesse di forte impatto che non è adatto a tutti: si tratta del tempio dei topi, dove migliaia di questi animali vivono assolutamente liberi e possono girare a piacere. Infatti in India non sono venerate soltanto le vacche, ma tanti animali diversi e spesso ogni località ha culti particolari. A Deshnok, ad esempio, la popolazione venera i topi. Dopo aver attraversato il deserto si giunge a Jaisalmer, un luogo magico grazie alla città vecchia conservata quasi inalterata e al villaggio di Khuri. Infine il Rajastan è famoso per Jodhpur, la cosiddetta Città Azzurra: è una splendida meta, amata soprattutto per la vista panoramica che offre ai visitatori. Il forte domina l’intera città e permette di ammirarla e di sperimentare grandi emozioni.

New Delhi:metropoli moderna e monumenti imperdibili
New Delhi è la città più importante di tutta l’India e una metropoli caotica e moderna. Racchiude quindi in sé tutte le contraddizioni e tutti i contrasti del Paese: di conseguenza si può trasformare la classica vacanza nella meta turistica indiana per eccellenza in un’occasione per assaporare il vero spirito locale. Esistono località che non si possono mancare, anche se sono riportati all’interno dei più gettonati itinerari turistici. Si tratta della Grande Moschea, del Forte Rosso e del Tempio a Fior di Loto. Si consiglia di visitare anche il Chandni Chowk, situato proprio nel cuore della città vecchia, il Lahora Gate e il Raj Ghat, il luogo dove avvenne la cremazione del Mahatma Gandhi.

Alcune mete non convenzionali
Quando si visita l’India è possibile optare per mete non convenzionali, che regalano emozioni e visioni impreviste. Uno spettacolo unico e romantico è rappresentato da Udaipur, una magnifica città dell’India del Nord costruita completamente raccolta attorno al piccolo lago omonimo. Nelle vicinanze, posizionate ancora più a settentrione, si trovano Pushkar e Bundi. La prima è una cittadina colorata che si anima da ottobre a novembre per la famosa e annuale fiera dei cammelli. Durante il resto dell’anno è possibile godere della bellezza e delle opportunità offerte dal piccolo lago che si estende nei dintorni. Qui verso sera si bagnano i fedeli per purificarsi e lo specchio d’acqua risulta essere un punto di raccolta per saltimbanchi, santoni e giocolieri. Infine a Bundi non si può mancare di fare una sosta al Bundi Palace. Si tratta di una città che mantiene ancora la sua struttura antica, con stretti e affascinanti vicoli di grande interesse. Questa soluzione si presta bene a un viaggio turistico zaino in spalla.

Scarica la nuova App OffriViaggi

Clicca sul qr-code o inquadralo con la fotocamera del tuo cellulare.

Pin It on Pinterest